15/07/2021

Un disegno di legge di modifica della riforma Delrio che dia una prospettiva di certezza alle Province sul piano istituzionale, ampliando consolidando le funzioni fondamentali, revisionando il sistema elettorale e norme di riordino della legislazione regionale; interventi per la stabilità dei bilanci delle Province e l’autonomia finanziaria nella legge di bilancio 2022 per sostenere la spinta agli investimenti; mille assunzioni per le Province per gli uffici di progettazione, per la gestione tecnica e amministrativa delle stazioni uniche appaltanti, per la gestione dei processi di digitalizzazione nelle Province e negli enti locali e per la transizione ecologica e ambientale: sono queste le richieste al Governo avanzate dal Presidente dell’UPI Michele de Pascale, nel corso del Comitato direttivo UPI che si è svolto il 14 luglio in presenza e a cui è intervenuto il sottosegretario agli Interni con delega agli Enti locali, Ivan Scalfarotto.

“Il Governo si impegna ad affrontare entro breve tempo il problema, in occasione della definizione di un disegno legge delega per la riforma organica degli Enti locali – ha affermato Scalfarotto -Insieme alla riforma del Testo Unico degli Enti Locali, l’intenzione del Governo è quella di superare le maggiori criticità che in questi anni sono emerse dalla legge n. 56 del 2014: una operazione di semplificazione che produrrebbe maggiori risparmi, qualità ed efficienza dei servizi ai cittadini”.

I documenti del Comitato direttivo

Revisione della legge 56/14 e l’adeguamento del TUEL – I materiali illustrati dal presidente UPI Michele de Pascale

Le Province nell’attuazione del PNRR – I materiali illustrati dal direttore generale UPI Piero Antonelli

DL reclutamento personale e rafforzamento capacità organizzativa PNRR (DL 80/2021) – I materiali illustrati dalla vicepresidente UPI Silvia Chiassai Martini

DL Governance e Semplificazioni (77/2021) – I materiali illustrati dal presidente UPI Toscana Luca Menesini