11/11/2020

Gli Enti locali sempre più protagonisti nella governance multilivello della macroregione alpina: è questo l’obiettivo del Network delle Anci, delle Upi (Province) e dei Consorzi delle Autonomie locali delle Regioni dell’arco alpino, coordinato da Anci Liguria, presentato questa mattina all’evento di Regione Lombardia “EUSALP and Stakeholders: Innovative Solutions for the New EU Programming Period”, inserito nel quadro del World Manufacturing Forum 2020.

“Abbiamo illustrato le finalità del Network, lunedì e questa mattina, in due eventi organizzati rispettivamente da Anci Lombardia e Regione Lombardia nell’ambito dell’importante rassegna internazionale sull’innovazione tecnologica, economia globale, competitività, formazione e sviluppo sostenibile – afferma il direttore generale di Anci Liguria Pierluigi Vinai – Da tutti i componenti del Network è giunto l’impegno a proseguire il lavoro di promozione di questa rete di cooperazione che risponde alle esigenze di sviluppo dei nostri territori, anche e soprattutto in questa fase di emergenza sanitaria”.

“In questi mesi di lavoro, durante i nostri tour, in presenza e virtuali, nei Comuni liguri, abbiamo raccolto i fabbisogni, perché le opportunità di sviluppo provengono dal basso e bisogna saperle recepire – continua Vinai – Ci siamo resi conto che i Sindaci spesso non riescono a partecipare ai bandi europei perché non hanno uffici strutturati. Abbiamo raccolto gli stimoli e le necessità per fare da tramite, insieme alle Anci, alle Province e i Consorzi, per portare sui tavoli istituzionali la voce dei nostri Enti locali affinché nelle priorità della programmazione 2021-2027 i fabbisogni dei territori vengano ascoltati, e la messa a terra delle progettualità consenta una crescita sostenibile ed inclusiva specialmente delle nostre aree rurali e montane, che rappresentano un enorme patrimonio di biodiversità, di produttività e cultura ed hanno potenzialità di sviluppo ad oggi ancora inesplorate”.

“Gli Enti locali sono uno stakeholder essenziale e di peso – conclude Vinai – Tutti insieme rappresentiamo 6 Regioni, 2 Province autonome, 26 Enti di area vasta, 4 Città metropolitane, oltre 4mila Comuni per un territorio che ospita oltre 23milioni di abitanti, e la Commissione europea questo lo ha capito, considerandoci voce essenziale e imprescindibile dei territori”.

All’evento di questa mattina, moderato da Claudia Pensotti, giornalista di Classe CNBC, sono intervenuti: Raffaele Cattaneo, assessore all’Ambiente e clima di Regione Lombardia; Giulia Bertezzolo, DG Reform Commissione europea; Federica Marzuolo, responsabile della programmazione e attuazione del Programma FSC 2014-2020, Regione Lombardia; Matteo Dall’Aqua, presidente dei giovani industriali lombardi Confindustria; Alice Zamboni, presidente movimento giovani imprenditori Confartigianato; Mauro Guerra, presidente Anci Lombardia; Monica Peggion, Regione Lombardia.

Durante la due giorni di presentazione del Network sono intervenuti anche Mario Conte, presidente di Anci Veneto; Alessandro Fabbrodirettore generale di Anci Friuli Venezia Giulia; Pier Sandro Cassulo, vicepresidente di Anci Piemonte; Sara Pinet, in rappresentanza di Franco Manes, presidente del Celva, il Consorzio degli enti locali della Valle d’Aosta.

SCARICA LE SLIDE DELLA PRESENTAZIONE

GUARDA LA REGISTRAZIONE DELL’EVENTO ORGANIZZATO DA ANCI LOMBARDIA IL 9 NOVEMBRE 2020