Logo Anci Liguria

Il progetto LGNetEA: prendersi cura delle persone, per prendersi cura delle città

Valorizzare il contributo dei cittadini di origine straniera, titolari di protezione internazionale e richiedenti asilo, nei territori che li accolgono, per contrastare il degrado delle periferie e delle aree svantaggiate, migliorare la qualità della vita e il benessere sociale, rafforzare la coesione e il senso di comunità, favorendo l’integrazione lavorativa e abitativa.

É questo l’obiettivo del progetto LGNet Assistenza Emergenziale.

Un percorso educativo-lavorativo, sociale e civile, che punta ad arginare i fenomeni di grave esclusione e isolamento delle persone migranti, che soggiornano regolarmente sul territorio ma non sono ancora pienamente integrate.

Un circuito virtuoso, in cui i beneficiari si impegnano a fornire il proprio contributo per il miglioramento della città e del territorio che li sta ospitando.

Il progetto LGNet Assistenza Emergenziale è co-finanziato dal Fondo Asilo Migrazione ed Integrazione (FAMI) nell’ambito delle Misure Emergenziali dell’Unione Europea.

A lavorare insieme per realizzarlo, una rete di partner a livello nazionale e locale, costituita da Ministero dell’Interno, ANCI, Cittalia, ANCIcomunicare e sedici Comuni di medie e grandi dimensioni: Bologna, Bolzano, Caserta, Firenze, Genova, Latina, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Potenza, Roma, Sassari, Taranto, Torino e Trieste.

A questi, si sono affiancati tre enti strumentali che sostengono le iniziative sui territori: ANCI Liguria, Azienda Servizi Sociali di Bolzano e Azienda per la Tutela Ambientale di Potenza.

Prima città a sperimentare il progetto LGNet Assistenza Emergenziale, Genova ha scelto la strada del civic engagement

I dettagli nella brochure.

 

  • Brochure ANCI 2022_web PDF 1843 Kb


  • ACCOGLIENZA